Gli accordi musicali ...

Ciao a tutti ....


questo post lo voglio dedicare a tutte quelle persone che tramite il sondaggio sul blog mi hanno chiesto esercizi sull'improvvisazione.


Ma tu lo conosci come si forma un accordo?


Proprio così, questa è la domanda che ho deciso di porti oggi.


Ricordo quando agli inizi dei miei studi sugli accordi trovassi veramente delle difficoltà, ma col tempo e con lo studio le difficoltà devono assolutamente scomparire se vuoi muoverti liberamente sulle melodie di un brano come se tu facessi una normale conversazione con un amico.


Le persone registrate al blog conoscono benissimo l'importanza che dedico allo studio delle scale, ma anche allo studio della formazione degli accordi.


Abitualmente cerco di fornire esercizi mirati, esercizi che io in prima persona ho eseguito e continuo ad eseguire.


Per riuscire a parlare con il tuo sax devi esercitarti veramente tanto con lo strumento ma è ugualmente importante conoscere mentalmente come è formata  una scala o un accordo.


Scarica immediatamente la tabella degli accordi maggiori CLICCANDO QUI

Un saluto e come sempre buon sax







11 commenti :

  1. ciao Michele,mi congratulo con te per i tuoi esercizi, molto interessanti e istruttivi,continua cosi'gli accordi maggiori sono una cosa importantissima per l'improvvisazione? esistono anche gli accordi minori?

    RispondiElimina
  2. Certo che esistono anche gli accordi minori ... se sei registrato al blog riceverai anche questi ... tutto a suo tempo .. un saluto e buon sax

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    Complimenti per il tuo blog, non ne avevo mai visto uno in giro! Sai, io suono sax da oltre 5 anni.... ;-)
    Se ti interessa una collaborazione, in futuro, contattami via Facebook! :D

    RispondiElimina
  4. Grazie dei preziosi consigli.E' dura trovare una strada , un metodo ideale personale che miri all'improvvisazione e alla conoscenza della tecnica, ognuno ovviamente ha le proprie necessità e i punti oscuri da sistemare, di certo di metodi ce ne sono molti e spesso si rischia di perdersi. Sarebbe ideale trovare un percorso comune, io sto cercando il mio anche grazie ai tuoi preziosi consigli. Federico

    RispondiElimina
  5. Ciao Federico, ti ringrazio e spero di poter dare anche io il mio contributo. Un saluto e a presto

    RispondiElimina
  6. Granzie ancora Michele con i tuoi esercizi e le tue spiegazioni hai
    rafforzato tutto quello che mi dice sempre il mio insegnante di sax.
    Continua cosi',si sente che chi si trova qui ha una vera passione .Michele

    RispondiElimina
  7. Complimenti Michele!! Il tuo lavoro è davvero molto utile!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Michele, io sono solo un neofita, suono il contralto da un anno, ma poichè lavoro tanto, cerco sempre di sfruttare il tempo a disposizione per studiare....e ti dico che sto studiando dal tuo materiale. Ancora gli esercizi che faccio sono: scala maggiore, scala cromatica, esercizio col solo becco e arpeggi molto facili. Mi sto concentrando più sull'emissione del suono e la fluidità delle dita!! Detto questo, desideravo solo complimentarmi con te per l'aiuto che mi stai dando, a me come tutti quelli iscritti al tuo blog chiaramente..
    A presto

    RispondiElimina
  9. Ciao Michele, scusami se non commento; tutto ciò che leggo è per me prezioso, forse non sai che ho 62 anni ed ho ripreso il sax dopo circa 40 anni di oblio, ne ho uno tenore ed un contralto. Ho dovuto ricominciare tutto ed ho appreso cose che da ragazzo nessuno mi aveva mai insegnato, ma la maturità conta molto sai? Suonavo dapprima con la banda dell'esercito, poi con un gruppo musicale sia con chitarra solista che con il sax e ad un certo punto non avevo il tempo di esercitarmi troppo con le scale. Solo ora ho imparato a cambiare le molle, i tamponi, i sugheri, ad asciugarlo dopo ogni saxofonata ... da ragazzo "capellone" anni 70 pensavo solo a far scena con i vari cambi di strumento. Beh, anche se non mi senti ... io ti vedo! Ti Leggo, Ti ascolto e, TI RINGRAZIO

    RispondiElimina
  10. Complimenti per aver deciso di ricominciare a suonare ... un saluto a te e a tutti quelli che mi seguono .... a presto

    RispondiElimina
  11. Sono colui che ha proposto il tema subtone, mario.
    L'esposizione di Michele e' stata suggestiva e ben fatta.
    Proporrei di postare un esempio di stile soffiato di qualche maestro (C.Hawkins, per esempio) per far capire a tutti di cosa si tratta e di approfondire la tecnica connessa in modo il piu' possibile "univoco"
    : in rete vi sono vari contributi, ma ahinoi, non sempre coerenti.
    mario

    RispondiElimina

Utilizza questo spazio per i tuoi commenti, è semplicissimo, scrivi ciò che pensi e se vuoi condividi con i tuoi amici il post usando la barra dei vari social-network che trovi subito qui sopra.